Trapano e avvitatore

Gli indispensabili: trapano e avvitatore per il fai da te

Trapano e avvitatore sono due accessori fondamentali per chi ama il fai da te ma anche per chi, volente o nolente, deve far fronte a piccoli interventi domestici, come mobili da fissare a parete, viti impegnative da rimuovere o piccoli mobili da assemblare.

Anche se la primavera è la stagione del risveglio e dei lavori in casa, avvitatori e trapani lavorano un po’ in tutti momenti dell’anno! 

Trapano e avvitatore: perché devi avere entrambi 

Cominciamo col dire, nel caso ce ne sia bisogno, che trapano e avvitatore non svolgono la stessa funzione: 

  • il trapano consente di realizzare fori grazie a punte di diversa sezione e grandezza, su materiali di diverso tipo, come legno, ma anche cemento e cemento armato (anche se in questo caso serve un trapano a percussione); 
  • l’avvitatore serve ad avvitare viti di diverso tipo grazie a inserti dalla sezione differente (la più comune è quella a croce), da scegliere in base all’incisione presente sulla testa della vite.

Trapano elettrico o trapano a batteria?

La scelta del trapano dipende dal suo utilizzo. Per lavori domestici che non richiedono particolari prestazioni vanno benissimo i trapani elettrici, in grado di forare un po’ tutti i materiali. Fondamentale, nella scelta, valutare il range di punte che si possono applicare. 

L’alimentazione influenza molto la potenza del trapano, non per questo è scontato puntare su un trapano elettrico, più potente, piuttosto che su a un trapano a batteria. Quest’ultimo, infatti, presenta tutti i vantaggi di un accessorio elettrico senza fili: maggiore libertà di movimento, maggiore flessibilità e possibilità di raggiungere elementi molto distanti da fonti di alimentazione. 

Se devi selezionare un trapano in base alla potenza, considera che la trovi espressa in W e che indica il valore assorbito durante il funzionamento e non quello che sviluppa, che è sempre pari a circa il 50%.

Il trapano a percussione

Il trapano a percussione consente di combinare alla rotazione un movimento a percussione. La punta, mentre ruota, si muove anche avanti e indietro, a battente. Questo consente di forare anche murature molto tenaci e compatte come il cemento armato. Può essere alimentato sia elettricamente che a batteria.

Avvitatori a batteria

Avvitatori a batteria potenti e flessibili sono il sogno di qualsiasi appassionato di bricolage o di lavori domestici. 

L’avvitatore, per sua natura e funzione, serve ad avvitare elementi che possono trovarsi in posizioni anche molto lontane rispetto alla fonte di alimentazione elettrica. Per questo motivo, per un uso domestico è sicuramente preferibile un avvitatore a batteria, salvo diverse esigenze.

Trapani e avvitatori sono in genere forniti di una pratica valigetta che ne consente il trasporto e anche di riporli in tutta sicurezza, lontano da polvere e umidità.

Per i più pratici: il trapano avvitatore

Se non ti piace l’idea di avere due strumenti separati, puoi sempre puntare su un trapano avvitatore classico o su un trapano avvitatore a percussione! Senza rinunciare a potenza e prestazioni, questo utensile consente di fare interventi a 360°.  

Come per gli utensili semplici, esistono modelli a batteria e modelli ad alimentazione elettrica. Per un uso casalingo o comunque laddove non vi sia una necessità di potenza o prestazioni top, il trapano avvitatorea batteria fa bene il suo lavoro, anche nel modello a percussione. 

La potenza è espressa dal voltaggio, che va da 9 a massimo 36 V, dove la fascia 18-24 V rappresenta l’ideale per un uso domestico.  

La batteria è di norma ricaricabile e può essere agli ioni di litio, al Nichel-Cadmio o al Nichel-Mh. La prima tipologia è quella più resistente, duratura e performante. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.